La vita quotidiana come rappresentazione

vita

La Vita quotidiana come Rappresentazione ? un libro di Erving Goffman. L’autore, un sociologo canadese, utilizza la figura del teatreo come metafora per rappresentare l’importanza della socializzazione.?Goffman, con la metafora della rappresentazione drammaturgica, esamina con cura le relazioni intessute nella vita sociale, come la quotidianit?, gli incontri casuali, le interazioni e le conversazioni. La posta in gioco di ogni interazione ? il successo o il fallimento della propria presentazione.

L’analisi si focalizza sulla relazione tra recita e ribalta. Secondo Goffman, l’attore svolge il suo lavoro in una duplice ambientazione: palcoscenico e retroscena. Tutti gli elementi presenti nelle sue ambientazioni s’influenzano reciprocamente sostenendosi l’uno con l’altro. L’attore ha degli spettatori, ma lui stesso ? lo spettatore del suo pubblico. L’attore pu? scegliere la scena in cui esibirsi, la spalla, e il costume per l’esibizione: la sua missione ? per? quella di mantenere una coerenza d’espressione, pur portando il suo spettacolo sui vari palcoscenici proposti dalla vita. Se l’attore ? abbastanza convincente, il pubblico pu? decidere anche di mantenergli il gioco, facendo finta di niente davanti ad una sua gaffe. Ovviamente, come scoprirete leggendo questo libro, attore, pubblico e teatro non sono altro che metafore con cui Goffman descriver? le interazioni sociali.

Lo stile dell’autore ? molto particolare, poich? egli espone le sue argomentazioni con una lunga serie di aneddoti, ma lascia ai lettori la possibilit? di interpretare la conclusione del suo discorso. Questa peculiarit? nell’argomentazione di Goffman, ha portato l’autore ad essere riconosciuto come maestro della sociologia contemporanea.

La vita quotidiana come rappresentazione. Autore: Erving Goffman. Editore: Il Mulino. Anno: 1997

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress