Post con Tag ‘per bambini’

Il piccolo principe

Il Piccolo Principe, il cui nome originale è “Le Petit Prince”, è la più famosa opera di Antoine de Saint-Exupéry. Il romanzo affronta diversi temi, dal significato della vita, all’amore, l’amicizia, e così via. E’ un libro che in superficie appare semplice, ma che contiene temi e frasi profonde, che difficilmente abbandoneranno la mente del […]

Il tesoro di Itria

I trulli, le antiche case contadine in pietra costruite a secco, con i caratteristici tetti conici, dichiarate patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1996, sono senza dubbio il tratto antropico più appariscente del paesaggio della Valle d’Itria, il territorio della Puglia che coincide con la parte meridionale dell’altopiano delle Murge, a cavallo delle province di Bari, Brindisi […]

Mi leggi un’altra storia?

Una storia corta ha molti vantaggi: si può raccontare velocemente e tutta insieme, se il fiato è abbastanza lungo. Si può raccontare e ripetere anche tre volte nella stessa sera. Si può portarla tutta intera nel sonno, e sognarla la notte. Quando è finita possiamo raccontarne un’altra o due. Può essere allungata come un elastico, e poi fatta […]

Il giro del mondo in 80 giorni

Testi semplici, moderni, con tante belle illustrazioni nelle quali i personaggi sono coniglietti, leoni, gatti, topini… Insomma, una versione dei classici veramente adatta ai più piccini. Pubblicato per la prima volta nel 1873. In questa storia il londinese Phileas Fogg ed il suo cameriere francese Passepartout tentano di circumnavigare il mondo in 80 giorni, per […]

Rob, il corvo e i gioielli

Rob risiede vicino a una discarica piena di cose che iniziano per “c”. E infatti ci trova anche un piccolo corvo, e se lo porta a casa. La sua amica Talp, che è una super esperta, dice che è non è bello è una taccola e porta sfortuna. Ma ormai il corvo Joe dorme nella sua casetta, ed è […]

Fra i banchi

Un giovane gambero pensò: “Perché nella mia famiglia tutti camminano all’indietro? Voglio imparare a camminare in avanti, e mi caschi la coda se non ci riesco”. Cominciò a fare esercizi di nascosto, tra i sassi del ruscello, e i primi giorni l’impresa gli costava moltissima fatica. Urtava dappertutto, e si schiacciava una zampa con l’altra. […]

Powered by WordPress